Uomini color cielo / Anaïs LLobet

pp. 224 • isbn: 978-88-99452-33-9

Disponibile

16,00 15,20

Spedizione gratuita con corriere sul territorio Nazionale

Uomini color Cielo

Anaïs LLobet

trad: Maruzza Loria

Nei primi giorni dell’estate del 2017, un liceo dell’Aia è il bersaglio
di un attentato terroristico. Due bombe, collocate sotto i tavoli
della mensa del liceo, provocano la morte di ventidue studenti
e di due professori. I sospetti si concentrano subito su uno
studente ceceno, Kirem (ombroso, asociale, profondamente religioso)
e sul fratello Omar (aperto, integrato, occidentale nello
stile di vita e segretamente omosessuale), entrambi nei Paesi Bassi
con lo status di rifugiati, insieme a Taissa, la madre, e al cugino
Makhmud, violento, collerico e fondamentalista islamico.
Nell’attentato è coinvolta, suo malgrado, anche la loro professoressa
di russo, Alissa, cecena come loro, da sempre attenta a nascondere
la propria identità, così come la propria fede religiosa
musulmana, perché desiderosa di integrarsi nella società olandese,
rimuovendo il doloroso passato legato alla guerra in Cecenia e
all’odio di cui è stata vittima in Russia. Ora, però, gli antichi incubi
si ripresentano, anche perché accusata di non essersi accorta
della radicalizzazione dei suoi studenti. In realtà, colpevoli, dinamica
e moventi dell’attentato restano a lungo misteriosi, in un
susseguirsi di colpi di scena, omissioni e testimonianze. Come
se fosse un vero e proprio racconto poliziesco, i pezzi della storia
si incastrano gradualmente, seguendo l’alternarsi delle voci dei
suoi protagonisti, da Omar ad Alissa, da Kirem ad Alex, capaci
di raccontare una vicenda tragica nella quale emerge la sofferenza
per l’esilio, l’angoscia costante dei rifugiati e anche la maledizione
di essere omosessuale in Cecenia.

«Il romanzo della giornalista Anaïs LLobet gioca al rialzo
tenendo insieme questione cecena, fondamentalismi
e omosessualità repressa, mantenendo equilibrio e suspense.»

Robinson/la Repubblica

«Un romanzo commovente… letteratura che sa descrivere la realtà.»
Internazionale

«Un romanzo bellissimo.»
Radio Svizzera Italiana

Categorie: ,