La pace / Richard Bausch
pp. 192 • isbn: 9788899452117

Disponibile

16,00 15,20

Spedizione gratuita con corriere sul territorio Nazionale

La pace

Richard Bausch

Traduzione di Martino Adani

È possibile restare umani quando si è intrappolati in una realtà
disumana come la guerra? Inverno 1944. E in corso la lenta e difficile
avanzata delle forze Alleate nell’Italia centrale. Un piccolo drappello
di soldati americani riceve l’ordine di affrontare la salita
di una ripidissima collina dalle parti di Cassino per scoprire la reale
posizione dell’esercito tedesco e per accertarsi che si stia effettivamente
ritirando. Sotto una pioggia battente, il caporale Robert Marson,
i giovani soldati Saul Asch e Benny Joyner, e un vecchio italiano,
costretto a fare loro da guida, marciano verso la cima della collina,
ostacolati dal terreno scivoloso e scosceso. Ad accompagnarli
la nostalgia di casa, il ricordo delle violenze di cui sono stati testimoni,
il dubbio di aver coperto un omicidio e non un’azione di guerra,
il terrore dei cecchini tedeschi, la sensazione che il vecchio italiano
possa essere una spia. In un crescendo di tensione, circondati
da un’oscurità sempre più minacciosa, che sembra spingerli in un mondo a parte,
coinvolti in schermaglie continue tra loro, i quattro si imbattono nel nemico,
che avrà tratti imprevisti e che, come spesso accade in guerra,
imporrà un inaspettato capovolgimento dei ruoli.

«Nel ristretto olimpo degli scrittori americani capaci di essere sia superbi romanzieri
che abili autori di racconti la stella di Richard Bausch brilla più che mai.»
Richard Ford

«Un piccolo capolavoro che possiede la stessa forza emotiva
e la stessa complessità morale di Cuore di tenebra
di Conrad e di Chadzi-Murat di Tolstoj.»
Colm Toibin